Referenti Regionali

In rosso le Regioni con i Consigli Regionali attivi, cliccaci su per maggiori info.

Sardegna Sicilia Calabria Basilicata Puglia Campania Molise Lazio Abruzzo Marche Umbria Toscana Emilia Romagna Liguria Piemonte Valle d'Aosta Lombardia Trentino Alto Adige Veneto Friuli Venezia Giulia
 

 






 
 

 

Obiettivi e finalità della Federazione

 

 

L’ Associazione, che non persegue fini di lucro, si propone e persegue i seguenti obiettivi:

1. costituire, organizzare e gestire Libri Regionali raggruppati in un unico Registro Nazionale, che riuniscano tutti coloro che abbiano acquisito un titolo di studio che li riconduca sotto il profilo professionale di Zoonomo o Dott. Agronomo e Forestale, Laureato in Scienze della Produzione Animale.

Nello specifico i titoli di studio per l’ammissione sono i seguenti: le lauree di dottore in Scienze della Produzione animale (Corso di Laurea di durata quadriennale o quinquennale), Scienze e Tecnologie delle Produzioni Animali (Corso di Laurea quinquennale) dei previgenti ordinamenti, mentre secondo la riforma universitaria disciplinata dal DM 509/99, i titoli per l’ammissione sono: Lauree di primo livello o triennali in classe 40 (Scienze e Tecnologie Zootecniche e delle Produzioni Animali) e classe L-38 (Scienze Zootecniche e Tecnologie delle Produzioni Animali), con evidenti contenuti formativi nell’ambito delle produzioni animali, nonché le Lauree specialistiche o magistrali in classe 79/S (Scienze e Tecnologie Agrozootecniche) e classe LM-86 (Scienze Zootecniche e Tecnologie Animali). A tale scopo i Registri Regionali e Nazionale sono divisi in quattro sezioni:

A.      Sezione DOTTORI IN SCIENZE DELLA PRODUZIONE ANIMALE PROFESSIONISTI
costituita da professionisti laureati quadriennali/quinquennali o laureati specialisti/magistrali che hanno acquisito l’abilitazione per la libera professione e sono iscritti al relativo albo professionale di riferimento.

B.       Sezione DOTTORI IN SCIENZE DELLA PRODUZIONE ANIMALE

costituita da laureati quadriennali/quinquennali o laureati specialisti/magistrali che non hanno conseguito l’abilitazione per la libera professione, o che pur avendo conseguito tale abilitazione non svolgono attività per cui è richiesto tale requisito pertanto non sono iscritti ad alcun ordine professionale.

C.       Sezione LAUREATI IN PRODUZIONE ANIMALE TRIENNALI

costituita da professionisti con titoli di studio di durata triennale (laurea in classe 40 o L-38) e propedeutico al titolo di studio magistrale.

D.      Sezione SPECIALE

 costituita da studenti universitari dei corsi di laurea di 1° livello con iscrizione dal II anno di corso (es. classe L-38, classe LM-86).

2. identificare i criteri atti ad organizzare la formazione dei nuovi professionisti nei diversi ambiti di attività, promuovere la gestione della formazione stessa attraverso Scuole di Formazione accreditate, determinare e gestire l’accesso e l’inserimento alla professione;

 

3. accrescere e sviluppare l’immagine e le funzioni professionali degli iscritti;

 

4. promuovere l’arricchimento culturale e professionale dei propri soci attraverso l’organizzazione di convegni, conferenze, seminari, corsi di aggiornamento inseriti in un organico contesto di formazione permanente;

 

5. effettuare nell'ambito culturale suindicato la ricerca e l'elaborazione di informazioni scientifiche, di tecniche e metodi innovativi per migliorare le capacità organizzative e gestionali degli associati redigendo e diffondendo protocolli operativi di riferimento;

 

6. introdurre nuovi principi e regole di deontologia professionale;

 

7. tutelare gli interessi professionali degli iscritti rappresentandoli nei rapporti con le Istituzioni;

 

8. ricercare opportunità per agevolare gli iscritti nella soluzione dei problemi propri della categoria;

 

9. favorire lo scambio di esperienze e la collaborazione tra realtà operanti nel medesimo territorio;

 

10. affiancare enti, istituzioni e associazioni che operano nel campo degli enti locali promuovendo iniziative che contribuiscano alla conoscenza ed al miglioramento dell’azione amministrativa, dell'efficienza gestionale e dell'efficacia operativa a vantaggio delle collettività amministrate;

 

11. favorire la conoscenza e la promozione della cultura in generale ed attuare iniziative ricreative. L’associazione non è solo strumento di arricchimento professionale, ma anche di partecipazione democratica alla vita della società. Nel rispetto di tale principio tutti gli associati hanno parità di doveri e di diritti con particolare riferimento e tutela del diritto di iniziativa e del diritto di voto per l’approvazione e le modificazioni dello Statuto, dei regolamenti e per le nomine degli organi direttivi, gestionali e rappresentativi;

 

12. rappresentare in ogni sede istituzionale, sindacale e politica le richieste che la categoria professionale e gli aspiranti alla stessa esprimeranno e proporranno, anche al di fuori di schemi e modalità tradizionali, al fine di costituire un "gruppo di pressione" a livello provinciale, regionale e nazionale per raggiungere gli obiettivi indicati sopra.